coxartrosi

dolore all'articolazione dell'anca

Cos'è questa malattia con un nome così intricato: coxartrosi? . . Questa malattia è un'artrosi deformante dell'articolazione dell'anca ed è spesso chiamata anche artrosi dell'articolazione dell'anca. Attualmente, la coxartrosi è il leader tra le malattie del sistema muscolo-scheletrico, che sono di natura degenerativa-distrofica. Ci sono molte ragioni che contribuiscono all'insorgenza della coxartrosi e quindi questa malattia si è diffusa in tutte le fasce d'età.

La coxartrosi si riferisce ad artrosi che non sono di natura infiammatoria, in cui prima ci sono cambiamenti di natura degenerativa-distrofica nella cartilagine dell'articolazione dell'anca, che riveste le superfici delle ossa articolari, e in fasi successive, i cambiamenti ossei si verificano già direttamente. Nel corso di un decorso così graduale della coxartrosi, le funzioni naturalmente normali dell'articolazione dell'anca colpita vengono così interrotte, il che alla fine porta alla disfunzione del sistema muscolo-scheletrico della persona malata, in generale.

Per la maggior parte, l'artrosi dell'articolazione dell'anca colpisce persone di età superiore ai quarant'anni. Naturalmente, la coxartrosi, come altre malattie, può essere trattata con successo senza intervento chirurgico, ma solo nelle sue fasi iniziali. Ma nelle sue fasi successive, difficilmente sarà possibile fare a meno della chirurgia e solo una cosa può aiutare a evitare la disabilità: le protesi dell'articolazione affetta da coxartrosi. Sfortunatamente, le persone con coxartrosi, non attribuendo importanza al dolore minore all'articolazione dell'anca nella fase iniziale della malattia, evitano di andare dal medico e l'osteoartrosi dell'articolazione dell'anca, nel frattempo, continua a progredire giorno dopo giorno, trasformandosi gradualmente in una forma più avanzata.

articolazione sana, articolazione affetta da coxartrosi

Come si sviluppa la coxartrosi

Diamo un'occhiata al meccanismo stesso della malattia della coxartrosi. E iniziamo dal fatto che l'articolazione dell'anca è composta da due ossa:

  1. l'estremità sferica del femore stesso;
  2. un acetabolo, simile a una piccola tasca da biliardo, situato nella pelvi iliaca;
  3. cartilagine articolare speciale sulla superficie di entrambe le ossa, che ricorda una sostanza spugnosa e necessaria come ammortizzatore, che si comprime durante il movimento e si espande se è assente;
  4. così come i legamenti che formano la cavità dell'articolazione dell'anca stessa e quindi formano la capsula articolare.

Intorno all'articolazione, inoltre, è presente tessuto muscolare, come cosce, glutei e altri muscoli, la cui funzionalità determina anche la condizione dell'articolazione dell'anca.

Durante il movimento, quando la cartilagine articolare è compressa, un fluido specifico viene “spremuto” da essa nell'articolazione, che è una sorta di lubrificante per le ossa che si articolano nell'articolazione. Inoltre, la stessa cartilagine articolare, inoltre, svolge la funzione di distribuire uniformemente i carichi sulla superficie dell'articolazione, essendo un ottimo ammortizzatore durante il movimento.

L'insorgenza stessa della malattia di coxartrosi è principalmente dovuta al fatto che la nutrizione della cartilagine dell'articolazione dell'anca è compromessa. La cartilagine diventa più sottile e successivamente scompare in alcuni punti. Se non si prendono misure per fermare questo processo, allora in quei luoghi in cui si verifica l'atrofia della cartilagine sopra descritta, l'osso stesso crescerà direttamente, cercando così di "riempire" la cavità risultante della cavità articolare. Come risultato di tali cambiamenti ossei, iniziano a comparire osteofiti, cioè "punte" sull'osso. Queste deformazioni, a loro volta, portano alla rottura della congruenza delle ossa articolate nell'articolazione dell'anca e alla conseguente “abrasione” delle aree ancora sane della cartilagine articolare.

Cause dell'artrosi dell'articolazione dell'anca

Le cause della coxartrosi, per le quali si manifesta, possono essere suddivise in primarie, a eziologia poco chiara, e secondarie, come conseguenza di altre malattie, ad esempio, come:

  • lussazione dell'anca, che è congenita;
  • displasia dell'anca;
  • necrosi asettica della testa femorale stessa;
  • varie lesioni precedenti, come una frattura dell'anca;
  • Malattia di Perthes;
  • infiammazione dell'articolazione dell'anca;

Poiché la coxartrosi si manifesta non solo in una, ma in entrambe le articolazioni dell'anca allo stesso tempo, è del tutto possibile affermare che la coxartrosi bilaterale è una rarità. Sebbene la coxartrosi primaria spesso coinvolga anche il ginocchio o la colonna vertebrale.

Sintomi della malattia di coxartrosi

I primissimi sintomi della coxartrosi dipendono direttamente dal grado di danno all'articolazione dell'anca, nonché dallo stadio di sviluppo di questa malattia, e i principali sono:

  • dolore durante il movimento, nell'articolazione dell'anca e che scompare a riposo;
  • zoppia risultante;
  • rigidità nell'articolazione dell'anca;
  • progresso verso il basso nel range di movimento dell'anca;
  • debolezza muscolare femorale e marcata riduzione del volume.

Considereremo separatamente i sintomi della coxartrosi, a seconda del grado della malattia con questo disturbo:

  • Sintomi del 1 ° grado di coxartrosi: il dolore all'articolazione dell'anca è di natura moderata e solo dopo che l'articolazione è stata sottoposta a stress intenso per lungo tempo. Dopo aver rimosso il carico e il riposo, questa sindrome viene completamente interrotta. Al primo grado dei sintomi della coxartrosi, l'andatura rimane normale e l'ampiezza di movimento dell'articolazione non cambia.
  • Sintomi del 2 ° grado di coxartrosi: il dolore all'articolazione dell'anca si fa sentire più intenso rispetto al primo grado, ma inoltre viene proiettato nell'area dell'inguine. A causa dell'atrofia muscolare in via di sviluppo, anche il ginocchio inizia a far male e molto spesso è grave. A volte, con sintomi di coxartrosi di secondo grado, il dolore inizia a manifestarsi a riposo e, dopo il carico trasferito sull'articolazione interessata, è già necessario un riposo piuttosto lungo per fermarlo. La zoppia inizia a comparire quando si corre o si cammina a lungo. Allo stesso tempo, la forza dei muscoli della coscia è piuttosto ridotta e anche l'ampiezza di movimento dell'articolazione è sottovalutata.
  • Sintomi del 3 ° grado di coxartrosi: dolore persistente all'articolazione dell'anca, che non scompare anche dopo un riposo estremamente lungo o un riposo costante, anche di notte. Il dolore ha già colpito l'intera gamba. Sullo sfondo della sindrome del dolore, il paziente sviluppa insonnia e vari disturbi del sonno. C'è una forte atrofia dei muscoli della coscia, dei glutei e della parte inferiore della gamba, mentre il volume motorio dell'articolazione è praticamente minimo. Quando si cammina Una persona malata è costretta a ricorrere ad ausili, come un bastone, per muoversi.

Se tale artrosi dell'articolazione dell'anca si sviluppa solo nell'articolazione dell'anca di una gamba, i suoi muscoli femorali indeboliti danno impulso allo sviluppo dello spostamento laterale del bacino, che riduce la lunghezza della gamba con l'articolazione affetta da coxartrosi.

Diagnosi di coxartrosi

Quando si diagnostica la coxartrosi, i sintomi della coxartrosi sopra descritti, in combinazione con i dati ottenuti dall'esame radiografico del paziente, sono necessariamente presi in considerazione. Questa tecnica offre l'opportunità di determinare non solo il grado stesso di coxartrosi, ma l'identificazione delle ragioni che sono servite da catalizzatore per lo sviluppo della coxartrosi. La radiografia offre un'eccellente opportunità per identificare i cambiamenti che hanno comportato specificamente lesioni nell'articolazione dell'anca, che è direttamente correlata ai meccanismi di sviluppo della coxartrosi.

Oltre ai metodi diagnostici già elencati, possono essere utilizzati anche i metodi della tomografia computerizzata e della risonanza magnetica, che forniscono un'opportunità per uno studio approfondito e dettagliato della patologia in via di sviluppo, come la struttura del tessuto osseo, la cui deformazione è un compagno di questo disturbo. Per quanto riguarda la risonanza magnetica, questa metodica consente anche di valutare i disturbi patologici a cui sono stati sottoposti i tessuti molli circostanti l'articolazione affetta da coxartrosi.

apparato

Trattamento dell'artrosi dell'articolazione dell'anca

La scelta del trattamento per la coxartrosi dipende direttamente dai sintomi di questa malattia e dal suo stadio. Solitamente, con il primo e il secondo grado di artrosi dell'articolazione dell'anca, si effettua la tradizionale terapia farmacologica conservativa, consistente nell'assunzione di condroprotettori, vasodilatatori e, se indicati, anche miorilassanti. Durante il periodo di tempo in cui la coxartrosi è particolarmente acuta, vengono utilizzati anche farmaci antinfiammatori non steroidei. Va tenuto presente che tale trattamento deve essere necessariamente eseguito da un medico specialista, poiché l'automedicazione, a differenza della medicina tradizionale, può avere un effetto estremamente negativo sugli organi interni del paziente e sopprimere completamente la capacità di ripristinare la cartilagine ialina.

Inoltre, con l'artrosi dell'articolazione dell'anca, vengono prescritte varie procedure fisioterapiche e terapia fisica.

La magnetoterapia è particolarmente efficace in combinazione con il trattamento medico tradizionale dell'artrosi dell'articolazione dell'anca. Il metodo della magnetoterapia nelle prime fasi è particolarmente efficace: consente di evitare cambiamenti degenerativi e respingere la malattia. Nelle fasi successive, il metodo aumenta l'efficienza e la qualità della vita, riduce il rischio di complicanze nell'articolazione interessata.

L'effetto sul corpo di un paziente con coxartrosi con una dieta non ha direttamente un effetto terapeutico, ma si raccomanda alle persone obese di ridurre il peso corporeo, poiché consente di ridurre il carico sull'articolazione interessata, alleviando così i sintomi acuti della coxartrosi.

installazione di endoprotesi

Per quanto riguarda il terzo grado di coxartrosi, i cui sintomi sono i più dolorosi, il trattamento, in quanto tale, viene effettuato solo attraverso un intervento chirurgico, ad esempio l'artroprotesi dell'anca.

L'endoprotesi include componenti che sono analoghi funzionali dell'articolazione dell'anca. Questo prodotto ortopedico è installato all'interno dell'arto, il che spiega il suo nome (endo - dal greco. "Interno"). Un sostituto dell'articolazione artificiale dell'anca svolge una funzione muscolo-scheletrica, ma, a differenza di un'articolazione naturale, non forma un fluido lubrificante. Sì, non è necessario, poiché questa protesi è realizzata con materiali che scivolano facilmente e senza alcuna lubrificazione e non cedono.

I dati statistici indicano che dopo l'intervento chirurgico, il ripristino assoluto delle funzioni di un arto con artrosi deformante dell'articolazione dell'anca si ottiene nel 95% dei casi, il che consente di condurre successivamente uno stile di vita abbastanza attivo.

La vita utile di una tale protesi è di circa 15 . . . 20 anni, ma alla fine della sua vita utile è necessaria una seconda operazione per sostituire l'endoprotesi usurata.

Nota,è IMPORTANTE! Non diagnosticare te stesso!In caso di sintomi di coxartrosi, dovresti consultare un chirurgo ortopedico, poiché solo uno specialista qualificato può fare la diagnosi corretta e prescrivere il trattamento più ottimale.

Prevenzione della malattia da coxartrosi

La coxartrosi può essere evitata se si effettua la profilassi necessaria per la coxartrosi:

  • trattamento obbligatorio e tempestivo delle malattie infiammatorie delle articolazioni;
  • trattamento tempestivo della displasia articolare;
  • attività fisica corretta e ragionevole, in particolare esercizi di resistenza, che devono essere eseguiti correttamente;
  • controllo obbligatorio del peso corporeo, mantenendolo normale;
  • evitare lesioni articolari.